E-mail
info@nicoloterminio.it
Telefono
Via Barbaroux, 9
10122 Torino
Destare il sognatore nella clinica borderline.

Destare il sognatore nella clinica borderline

Se nel discorso dell'analista l'agente è il plusgodere, cioè l'oggetto piccolo a in quanto residuo della simbolizzazione, nella cura del borderline bisogna innanzitutto fare posto al sognatore.

Questa prospettiva può essere chiarita attraverso il libro Destare il sognatore di Philip Bromberg, un libro che sollecita diverse riflessioni per tutti i clinici che si occupano della cura del trauma e della dissociazione.

Il cuore concettuale del suo pensiero clinico viene riassunto da questa semplice frase: “quando un paziente porta un sogno in seduta, il compito dell’analista è quello di permettergli di portare in seduta il sognatore” (p. 41).

Nella clinica borderline è fondamentale riabilitare e destare il sognatore perché nel sogno si realizza la divisione soggettiva tra l’esperienza del sognatore e la funzione del sogno.

Attraverso il sogno si fa l’esperienza di essere un sognatore che è sognato dal suo sogno. Ciò vuol dire che nel sogno ci si affida alla dimensione dell’ordine Simbolico.

Nella clinica borderline non c’è questo collegamento tra il sentirsi soggetto dell’esperienza e il poter mentalizzare il proprio vissuto. Nel sogno invece ritroviamo la possibilità di fare esperienza e simultaneamente la possibilità di rappresentarla e trasformarla in una trama.

La partizione essenziale per l’instaurazione dell’alleanza terapeutica è quella tra il vissuto del soggetto che è immerso e angosciato nei propri vissuti e nelle proprie dinamiche emotive e quella di un soggetto che osserva e prova a estrarre delle coordinate significanti all’interno di quel flusso emotivo.

Il lavoro analizzante si regge su questa possibilità: da un lato essere totalmente assorbiti dal proprio vissuto e dall’altro la capacità di estrarre alcuni “significanti chiave” che sono le tracce degli eventi che hanno dato fisionomia al proprio destino. Ecco allora il valore del sogno come dimensione vissuta che può riabilitare la funzione dell’inconscio, un inconscio che si configura come la sorgente di una trama e allo stesso tempo come la pulsazione del nostro rapporto con il Reale.

Nicolò Terminio è Psicologo e Psicoterapeuta a Torino. È specializzato nella cura di ansia, cura attacchi di panico, cura depressione, cura anoressia, cura bulimia e obesità, cura gioco d’azzardo patologico e cura disturbo borderline di personalità a Torino.
Nicolò Terminio, psicoterapeuta e dottore di ricerca, lavora come psicoanalista a Torino.
La pratica psicoanalitica di Nicolò è caratterizzata dal confronto costante con la ricerca scientifica più aggiornata.
Allo stesso tempo dedica una particolare attenzione alla dimensione creativa del soggetto.
I suoi ambiti clinici e di ricerca riguardano la cura dei nuovi sintomi (ansia, attacchi di panico e depressione; anoressia, bulimia e obesità; gioco d’azzardo patologico e nuove dipendenze) e in particolare la clinica borderline.

PROFILO SCIENTIFICO ››
CONTATTI ››

Nuove pubblicazioni

nicolo-terminio-psicologo-psicoterapeuta-torino.png
Contatti
Via Barbaroux, 9
10122 Torino

info@nicoloterminio.it

+39 011 0437843

© 2022 Nicolò Terminio
Psicoterapeuta Psicologo Torino
P. IVA 01754780854

sitemap  privacy  cookie  seo