E-mail
info@nicoloterminio.it
Telefono
Via Barbaroux, 9
10122 Torino

Psicoanalisi lacaniana

Il silenzio dell'analista consegna al paziente un vuoto centrale da cui può sorgere la creatività.

A cosa mira il silenzio dell’analista?

La trasformazione soggettiva a cui punta una cura psicoanalitica riguarda la riformulazione creativa dell’impronta che abbiamo ricevuto dal discorso dell’Altro. Il riferimento all’atto creativo è fondamentale non perché il paziente diventerà un artista, ma perché anche la creazione dell’opera d’arte mostra il momento in cui i due vettori del tempo dell’inconscio si incontrano.

Si tratta di un primo vettore temporale in cui gli eventi della vita hanno prodotto dei significati, ossia è stato scritto qualcosa nella vita del soggetto che dobbiamo tradurre con il lavoro analitico. Questo primo vettore indica il processo di lettura e traduzione di una pagina già scritta. Il secondo vettore riguarda invece il tempo in cui ciò che dobbiamo tradurre è un silenzio che non ha ancora ricevuto in maniera definitiva un significato.

Riuscire a fare silenzio dentro di sé permette di raggiungere la predisposizione a cogliere la vita sospendendo per un attimo la traduzione dell’Altro. Fare silenzio è una via pratica per concentrarsi sul proprio vissuto aprendosi alla possibilità di vivere la propria esperienza prima di ogni interpretazione. Si tratta di percepire il proprio essere presenti a se stessi senza attivare in automatico l’attitudine umana di concettualizzare o romanzare l’esperienza. Partendo da questa condizione interiore potremo vivere momento per momento ciò che siamo, ciò che siamo un attimo prima di rivestire il nostro sentirci essere con le parole.

Indice

Tradurre il silenzio

Il vissuto soggettivo di chi ha attraversato abbandoni, traumi o abusi è spesso connotato da una sensazione di distacco da sé e da un vuoto che toglie le parole lasciando un nodo alla gola. È un nodo senza senso che non è agganciato alla storia del soggetto. L’emozione si presenta in modo travolgente ma non parla di nient’altro, non parla dell’Altro e delle eventuali delusioni che ha potuto provocare. È un’emozione silenziosa che si presenta come vuoto mentale e sussulto del corpo.

Quando questi pazienti iniziano ad attivare la loro mente e possono iniziare anche a sognare riferiscono scene di pericolo e di aggressioni dove una crudeltà senza limite e un terrore senza volto incombono ad ogni loro passo. Sono le storie delle infanzie negate e dei percorsi smarriti dove il silenzio ci parla non della dimensione costitutiva della parola ma dell’impossibilità della parola di istituirsi come ponte tra soggetto e Altro.

L’Altro qui non è l’Altro della traduzione del linguaggio, che fa del linguaggio una dimora per l’essere del soggetto, ma è l’Altro che in maniera insensata abbandona o, nei casi più gravi, gode del soggetto sovvertendo le leggi che fondano la comunità degli umani. In questi casi il lavoro dell’analista consiste nel portare un po’ di luce, di rischiarare il silenzio per stemperare l’eccesso di godimento con cui l’Altro ha invaso il campo del soggetto, assoggettandolo non al linguaggio ma una volontà senza senso e disumana.

La traduzione in parole della propria esperienza è una caratteristica fondamentale del metodo psicoanalitico. Si tratta di una traduzione che non esclude il silenzio, soprattutto nella cura delle nevrosi è evidente quanto la traduzione del linguaggio non sia un modo per scansare il silenzio ma la via migliore per aprire le porte a un silenzio generativo.


Il transfert e il silenzio

Nel tempo del processo creativo siamo trovati dall’evento, siamo presi dalla vita nella vita, nell’evento siamo presi alla sprovvista, non scegliamo ma siamo scelti. Mettersi in ascolto del silenzio non vuol dire padroneggiare il silenzio ma farsi prendere dal silenzio, assumere quel silenzio come un’eterogeneità radicale rispetto a ciò che può essere detto.

Da questo punto di vista un’accademia del silenzio non è l’applicazione di un discorso di padronanza di sapere su ciò che rende insaturo ogni sapere. Accademia non implica un irrobustimento del proprio sapere, può voler dire soltanto che ci possiamo preparare con le parole per metterci in ascolto del silenzio che abita nelle parole. È da lì che può sorgere il germe creativo per qualcosa di nuovo, per qualcosa che vada al di là delle ripetizioni che vengono indotte dalle varie sirene e seduzioni sociali o dalla rigidità del nostro fantasma inconscio.

Il transfert è un movimento verso un sapere che non si possiede. Ora, nel corso di una cura il paziente può rivolgere questo movimento di ricerca di ciò che manca non verso l’inconscio, ossia verso un sapere che deve trovare il suo avvenire attraverso il lavoro d’analisi, ma anche verso l’analista. È in questo passaggio delicato che l’analista invece che promotore di un lavoro d’analisi si ritrova a occupare il posto dell’Altro a cui il soggetto rivolge la propria domanda. Il soggetto cercherà allora ciò che potrebbe colmare la propria mancanza nell’Altro, ma se l’Altro è un analista troverà il silenzio, il silenzio del significante. Possiamo dunque concettualizzare il silenzio del significante come la mancanza nel sapere dell’Altro di un significante che risponda alla mancanza del soggetto. Ecco a cosa mira il silenzio dell’analista.
 
Spunti tratti dal libro Tradurre dal silenzio
nicolo-terminio-psicologo-psicoterapeuta-torino.png
Contatti
Via Barbaroux, 9
10122 Torino

info@nicoloterminio.it

+39 011 0437843

Continuando la navigazione accetti l’utilizzo dei cookies.

Approvo
© 2019 Nicolò Terminio
P. Iva 01754780854
home  sitemap  privacy  cookie  seo