E-mail
info@nicoloterminio.it
Telefono
Via Barbaroux, 9
10122 Torino
Sulla base della mia esperienza clinica la depersonalizzazione e la derealizzazione di tipo psicotico è molto diversa da quella di tipo borderline.

Borderline e psicosi tra forclusione e discorso dell'Altro

Sulla base della mia esperienza clinica la depersonalizzazione e la derealizzazione di tipo psicotico è molto diversa da quella borderline.

Nel primo caso siamo di fronte a fenomeni di tipo dissociativo che sono causati dalla cosiddetta forclusione del Nome del Padre e indicano il mancato compimento del complesso di Edipo. Nel caso della clinica borderline la dissociazione è dovuta invece all’assenza di un discorso dell'Altro.

Nella psicosi c’è forclusione e presenza di un discorso dell’Altro che però a causa della forclusione diventa un Altro persecutorio.

Per esempio, nel racconto autobiografico di Marsha Linehan i vissuti di depersonalizzazione e derealizzazione non mostrano mai le caratteristiche dell’estraneazione e del sentimento di irrealtà di tipo psicotico, che vediamo invece descritti in alcuni passaggi del Diario di una schizofrenica: «L'irrealtà mi faceva soffrire di meno perché non le opponevo più alcuna resistenza. Vivevo in una vuota atmosfera di indifferente artificio; un muro invisibile ed insormontabile che mi separava da persone e da cose. […] Improvvisamente da questo mondo d’indifferenza sorgeva l’angoscia, l’angoscia dell’irrealtà. Si può dire che la mia percezione del mondo mi facesse sentire in modo più acuto la bizzarria delle cose. Nel silenzio e nell’immobilità ogni oggetto rimaneva scolpito, staccato dagli altri nel vuoto e nella luce; ed a forza di persistere così solo, sciolto da tutto quanto lo circondava, l’oggetto incominciava ad “esistere”. Esso era lì di fronte a me e mi incuteva una sorda paura, allora dicevo “la sedia si burla di me e mi canzona”» [M.A. Sechehaye (1950), Diario di una schizofrenica, pres. di C.L. Musatti, trad. it. C. Bellingardi, Giunti, Firenze, 2017 (1ª ed. 1955), p. 61].

Nel borderline non osserviamo la forclusione, che è un concetto lacaniano che va riferito al rapporto tra significante e significato. Nel borderline viene meno la trama discorsiva offerta dall’Altro, un Altro che invece di sostenere il discorso del soggetto lo espone alla dimensione del trauma.

 

Per qualche spunto in più sulla psicosi guarda questo video su complesso di Edipo e forclusione del Nome del Padre.

 

Complesso di Edipo e Forclusione del Nome del Padre, complesso edipico

 

Nicolò Terminio è Psicologo e Psicoterapeuta a Torino. È specializzato nella cura di ansia, cura attacchi di panico, cura depressione, cura anoressia, cura bulimia e obesità, cura gioco d’azzardo patologico e cura disturbo borderline di personalità a Torino.
Nicolò Terminio, psicoterapeuta e dottore di ricerca, lavora come psicoanalista a Torino.
La pratica psicoanalitica di Nicolò è caratterizzata dal confronto costante con la ricerca scientifica più aggiornata.
Allo stesso tempo dedica una particolare attenzione alla dimensione creativa del soggetto.
I suoi ambiti clinici e di ricerca riguardano la cura dei nuovi sintomi (ansia, attacchi di panico e depressione; anoressia, bulimia e obesità; gioco d’azzardo patologico e nuove dipendenze) e in particolare la clinica borderline.

PROFILO SCIENTIFICO ››
CONTATTI ››

Nuove pubblicazioni

nicolo-terminio-psicologo-psicoterapeuta-torino.png
Contatti
Via Barbaroux, 9
10122 Torino

info@nicoloterminio.it

+39 011 0437843

© 2022 Nicolò Terminio
Psicoterapeuta Psicologo Torino
P. IVA 01754780854

sitemap  privacy  cookie  seo